martedì 17 novembre 2009

Fisheye !

Dopo tanto girovagare su vari siti internet relativi alla fotografia, ho finalmente trovato una soluzione economica per l'acquisto di un obiettivo fisheye.




Si tratta del Peleng 8mm f3.5 fisheye: ne parlano davvero bene in tanti.
Il sito spiega molto bene il suo funzionamento e le sue caratteristiche.

Peleng8.com


Mentalmente sono già balzata in Nuova Zelanda.. paesaggi che si prestano a questo tipo di fotografia. E' indubbio che dentro il mio nuovo zainetto fotografico Kata

ci sarà anche il Peleng!!!

Ciao ciao

sabato 14 novembre 2009

Zurigo


Ciao a tutti,
oggi abbiamo fatto una capatina in quel di Zurigo. E' stato divertente anche se un po' stancante.. un sacco di gente in giro!!!
Siamo andati principalmente per vedere la mostra di Michel Compte al Museum für Gestaltung.
L'ho trovata molto interessante, anche se avrei preferito vedere più foto inerenti il suo percorso in mezzo alle sofferenti popolazioni Africane (ma non solo). Devo dire che da questo punto di vista preferisco le foto fatte da Didier Rüeff nel periodo in cui ha seguito Médicin sans Frontières.
Particolare interessante è il fatto che Compte ha messo nella mostra anche alcune foto che a livello tecnico sono degli errori: ciò dimostra che anche gli errori spesso possono avere un loro lato interessante.
Mi viene da ridere se penso alla frase di Thomas davanti ad una foto in cui si vedeva la luna fotografata di notte... "Dom, quella che hai fotografato tu è molto meglio!" Onorata, .. davvero!!!
****
Dopo la mostra siamo andati a pranzo, erano quasi le 14! Ci siamo avventurati in un Cineese Fast Food: ho pensato che a Lugano un ristorante del genere manca proprio.
In seguito abbiamo fatto un giro di shopping e io ne ho approfittato per fare anche un po' di foto.
L'obiettivo ormai è quello che è.. ho usato il Tamron 18-200, che non mi soddisfa affatto non essendo stabilizzato: può andar bene a partire da una focale di 18 fino al max 125-135.. poi sballa troppo; io non sono già un grande esempio di "fermezza" anzi, ogni tanto scherzo ma mi sembra di avere il Parkinson! A 200 è impossibile fare una foto decente se non ho un punto di appoggio, non fosse altro che per quanto pesano macchina e obiettivo.
La buona notizia è che il Tamron verrà presto sostituito dal Sigma 18-200 DC OS HSM .. e OS sta per Obiettivo Stabilizzato!!!! HSM sta per motore ultrasonic quindi assolutamente veloce.

Ritornando a noi.. mi sono imposta di utilizzare la macchina rigorosamente con impostazione "M" ovverosia totalmente in manuale, calcolando tempi e diaframmi; questo per una necessità di fare pratica, che secondo me è l'unico vero modo di capire come funzionano questi magnifici apparecchi. Nell'arco della giornata ho toppato qualche volta con il risultato di avere qualche foto scura, qualche foto troppo chiara, alcune mosse .. a causa di quanto detto prima sul Tamron; ma tutto è servito, è stato utile e divertente.

Prima di tornare a casa abbiamo terminato lo Shopping nel negozio di Franz Karl Weber: bellissimo.. ho fatto i primi acquisti da Natale per i nipotini; se non fosse stato per la quantità di gente che lo popolava, sarei rimasta li dentro per ore. Peccato che FKW non ci sia più a Lugano, era un'istituzione, lo adoravo fin da bambina, con il suo classico "odore" di giocattoli!

Qui sul blog ho messo un collage di foto, mentre su Picasa pubblicherò le foto in modo integrale.

Dom

giovedì 5 novembre 2009

Nuova Zelanda

Giusto per far schiattare un pochino gli invidiosi, ho deciso di postare quello che sarà a grandi linee il giro che faremo in Nuova Zelanda.

La partenza è prevista per le ore 21.15 del 19.12.2009 da Milano-Malpensa, scongiurando il temuto over-booking tanto in auge nella vicina Penisola. Ma siamo positivi e cercheremo di essere i primi all’apertura del check-in e che Dio ce la mandi buona.. con il senno di poi credo che non partirò mai più dall’Italia, anche se si paga un pelino di più, devo ricordarmi l’affidabilità del buon vecchio aeroporto di Agno!

Da Malpensa voleremo su Dubai, tempo previsto d’arrivo ca 6 ore, scalo di 3 ore e poi ripartenza per Auckland con un volo che sarà eterno.. previste 18 ore e 30 con scalo tecnico di 90 minuti all’aeroporto della mitica Sydney.

L’arrivo a Auckland sarà il 21.12 alle ore 13.50 locali… fate un po’ voi il calcolo! Va beh, avrò tempo per riposarmi taaanto taaanto sull'aereo..

Ho prenotato la prima notte al Mercure Hotel, memore della buona qualità di questa catena alberghiera in Australia (e anche a Leukerbad).

Il giorno dopo alle 8.30 ritireremo il nostro camper e poi partiremo all’avventura e alla scoperta della North Island.. la South la lasciamo per il prossimo viaggio in quanto in 3 settimane se si vuole vedere un po’ tutto e non di fretta, si riesce a fare solo un’isola.


La nostra prima destinazione sarà la Coromandel Peninsula


Coromandel si trova a circa un’ora e mezza di viaggio da Auckland ed è una zona famosa per le sue spiagge, alcune dorate e altre bianchissime. Ci fermeremo una notte al Shelly Beach Holiday Park.

Il giorno dopo partiremo alla volta delle Waitomo Caves, passando da Hahei, Whangamata, Hamilton.

Visiteremo le Caves, nella speranza che non siano troppo strette e piccole, visto che sono un po’ claustrofobica.

Il 23.12 dormiremo al Waitomo Park, il mattino seguente visiteremo ancora la zona e poi ci avvieremo verso il Tongariro National Park dove abbiamo prenotato due notti nel Lodge The Park, quindi dormiremo due notti in un letto wow… !

Il Tongariro è un parco molto vasto dove ci sono numerose possibilità di escursioni sia a piedi che in Mountain Bike. Sarebbe molto interessante fare il Tongariro Crossing però dura un’intera giornata e se lo facciamo poi ci rimane poco tempo per vedere il resto. Crediamo di optare per qualche giro in bici sui vari percorsi disponibili così da poter vedere il più possibile in questi due giorni. Tra l’altro sarà Natale !! Chissà.. mi fa un po’ effetto pensare che sarà Natale e noi saremo in giro in calzoncini corti in MTB!!


Il 26.12 ripartiremo dal Tongariro in direzione di Wellington, passando per Wanganui che dovrebbe essere una cittadina molto simpatica e tipicamente Maori, con tante cose da vedere soprattutto sulla cultura di questi ultimi.

Dovremo calcolare bene i km perché da Wanganui a Wellington ci sono ca 195 km calcolati in 2 ore e 30 di strada…

A Wellington ho avuto delle difficoltà a prenotare il campeggio, non se ne trovava uno libero.. poi alla fine, gira e rigira qualcosa è saltato fuori,speriamo in bene.

Wellington è la capitale della Nuova Zelanda, anche se la maggior parte della gente crede che sia Auckland! Un po’ come all’estero pensano che la capitale della Svizzera sia Zurigo..

Visiteremo questa città e se avanza un po’ di tempo faremo un giretto anche sulla lingua di terra davanti al Cook Strait poi ci dirigeremo verso Castlepoint… sarà un’avventura????? Infatti Castlepoint è messo in un posto sperdutissimo sulla costa più orientale della Nuova Zelanda.


Però dalle immagini non sembra male, vero?


Il giorno dopo partiremo alla volta di Napier che ci dicono essere una simpatica cittadina in stile Art Déco; infatti nel 1931 venne distrutta da un terremoto ed in seguito ricostruita in questo particolare stile, che rende anche inconfondibile la bella Miami Beach in Florida ( e qui direi.. just did it…) Napier e appunto Miami Beach oggi vengono considerate i due esempi di stile Art Déco meglio conservati al mondo.

Da Napier ripartiamo il 29.12. alla volta di Rotorua nella Bay of Plenty dove ci fermeremo 2 giorni.

La città è famosa per tutto quanto riguarda la geotermia, a partire dai geyser e dalle stazioni termali. A quanto sembra dovremo rassegnarci al forte odore di zolfo che aleggia per la città, mia cugina me lo confermava..

Pace, tapperemo il naso e ci “consoleremo” con i bagni termali, mica male come compromesso.

Devo dire che a Rotorua è dove ho provato a riservare un campeggio, che al mese di febbraio era già tutto esaurito per dicembre. Ci sono rimasta un po’ male :- ((

Il 31.12. risaliremo di nuovo a Auckland, più precisamente a Orewa Beach


dove passeremo la notte di Capodanno ed entreremo per primi nel 2010 (salvo che qualcuno di voi non sia alle Tonga che sono le isole che per la loro posizione, entrano per primissime nel nuovo anno, ma dubito!)

Il giorno dopo con calma ci avvieremo verso Waitangi,

importantissima città dove nel 1840 fu firmato il trattato tra il governo Inglese e i Maori

In questo trattato i Maori cedevano i loro poteri al governo inglese: secondo il segretario dell’allora rappresentante della corona inglese questo particolare venne omesso quando si presero gli accordi con i Maori. Bravi Inglesi, come al solito quando c’è da arraffare, l’onestà vien meno.


Ci fermeremo per tre notti a Kerikeri nella Bay of Island il giorno 2.1. abbiamo prenotato un’uscita in catamarano, per andare a vedere i delfini e se sarà possibile pure nuotare con loro.














Questo dipende dalla presenza o meno di piccoli: in caso ci siano, non sarà possibile scendere in acqua in quanto mamma delfino (come tutte le mamme) protegge i piccoli e diventa aggressiva.

La zona della Bay of Island propone tantissime cose da vedere e da fare e purtroppo come sempre non riusciremo ad approfittare di tutto. Faremo comunque del nostro meglio!

Il 4.01. saremo invece nella zona più a Nord della North Island, ovvero alla Ninety Mile Beach.


Andremo fino a Cape Reinga, dove il Mar di Ta

smania si incontra con l’oceano Pacifico.. non vedo l’ora!!

Nella foto qui sotto si vedono bene le onde di sinistra (Mar di Tasmania) e le onde di destra (Oceano Pacifico) che si “incontrano”.




Il 5.1 rientreremo verso Auckland dove alle 17 dovremo riconsegnare il nostro camper. Quella notte e la successiva dormiremo all’Hotel Breamer on Parliament, un Bed & Breakfast in stile coloniale come quello che avevamo lo scorso anno a Kangaroo Island in Australia.


L'entrata della casa e la sala da pranzo















Questa invece la camera che abbiamo prenotato:


Ce n’erano di quelle più belle ma visti i 250 franchi a notte, ci siamo limitati a questa!!!!!














Il 6 e il 7 gennaio ci dedicheremo alla visita di Auckland poi purtroppo sarà anche il momento di tornare a casa, ri-affrontando i 2 giorni di viaggio che ci faranno approdare di nuovo a Milano-Malpensa sempre via Dubai.

Resta inteso che se troviamo un B&B con il cartello “Vendesi”.. torniamo qui, vendiamo quelle 3 cose che abbiamo, ritiriamo il secondo pilastro, organizziamo il viaggio del Kenny e bye bye old Europe.. stai qui da sola con la tua puzza sotto il naso, manco fossi un continente con chissà che cosa in più degli altri!!!!

Uuuupppssss.. questa m’è scappata…